Stemma Comune di Sarzana - Torna alla home Page

Iniziative

 Il cammino di Marcella Amministrazione Servizi al cittadino Turismo e cultura Manifestazioni Eventi  English version

Il Cammino di Marcella - Quattro passi in città per liberare la disabilità dall'handicap

26 febbraio 2011
ore 9.00
Piazza Matteotti

Un viaggio lungo ... 14 anni.

Tanto, quasi, è passato da quella notte del 13 aprile del ’97 quando, in un brutto incidente stradale, la piccola Marcella, di soli 8 anni, veniva sbalzata fuori dall’auto dove viaggiava con i genitori per volare giù, per 28 metri, dal viadotto di Rossiglione.
In quegli attimi terribili, in cui la bimba sembrava essere svanita nel nulla, la mamma fece un voto: se i ricercatori avessero ritrovato la sua bambina viva lei sarebbe andata a Lourdes a piedi.

Foto: Anna Maria RastelloOggi Anna Maria Rastello, superati gli anni difficili del coma e del lento recupero che ha riconsegnato Marcella, affetta da tetraparesi spastica, alla vita e ad una laurea in Psicologia, si dice pronta a mantenere fede al suo impegno.
“Impegno -dice- che negli anni ha assunto un significato più ampio, fatto dal desiderio di mettere la propria esperienza al servizio della disabilità”.

Anna Maria è una donna torinese di 48 anni, straordinaria, madre biologica di altre due ragazze e di 8 figli in affidamento tra cui una ragazzina con disabilità intellettiva ed il suo gemello con disabilità relazionale.
Un’esperienza importante la sua, maturata sul campo, preziosa per non essere condivisa.

Ecco perché oggi Anna Maria, già ospite di importanti talk-show, è pronta e determinata a richiamare l’attenzione dei media e della società sulle peculiarità ma anche sui pregiudizi che attraversano la disabilità.
Come?
Proprio grazie a quel viaggio promesso tanti anni fa che ora si sta arricchendo di tanti, nuovi e importanti significati.

A iniziare dalla città di partenza: Sarzana.
“Partirò da qui -dice Anna Maria- perché è la prima città con spiaggia attrezzata per disabili dove, grazie al Comune, viene riconosciuto il diritto di andare al mare anche a chi ha bisogno di aiuto e assistenza”.
Anna Maria dunque partirà dalla nostra città il prossimo il prossimo 26 febbraio e arriverà a Lourdes il 4 maggio 2011 dopo circa 1300 chilometri.
“Sarà -continua- un viaggio a piedi, alla ricerca della bellezza e di uno stile di vita più lento, più profondo, più dolce che permetta così di conoscere la disabilità e riconoscere l’handicap creato dai pregiudizi”.

Durante il percorso saranno organizzate delle brevi camminate-evento che si dipaneranno lungo strade il più possibile adatte al viaggio lento, quindi strade sterrate e strade asfaltate poco trafficate che siano percorribili anche da disabili motori che utilizzino la sedia a rotelle: mini-cammini che avranno anche l’obiettivo di censire le associazioni sportive e artistiche che permettono ai diversamente abili di praticare le attività che possono procurare loro gratificazione, così da ridurre l’handicap.

Al fianco di Anna Maria ci sarà Riccardo Carnovalini, fotografo che racconterà per immagini la straordinaria esperienza che, quotidianamente, verrà riportata sul sito www.movimentolento.it
Ed è proprio Riccardo a spiegarci un’ulteriore peculiarità di questo straordinario viaggio dalle mille sfaccettature:
“Studiando il percorso -dice- ci siamo resi conto che partendo da Sarzana, attraversata dalla Via Francigena, per poi tornare sul cavalcavia di Rossiglione alla volta di Lourdes sarebbe stato sufficiente aggiungere un altro breve tratto per giungere al Col du Somport, l’inizio del Camino Aragonés, uno dei rami del Cammino di Santiago”.

Insomma quasi senza rendersene conto Anna Maria e i suoi compagni di viaggio hanno costruito e sperimenteranno per la prima volta un nuovo cammino di pellegrinaggio che, collegando la Via Francigena al Cammino di Santiago, unirà due dei tre percorsi ai Luoghi Santi della religione cristiana: Roma e Santiago De Compostela.

L’iniziativa che è patrocinata dal Ministero per le Pari opportunità e vede la presenta di numerosi partners istituzionali e non.
A Sarzana vedi coinvolti l’assessore allo sport Giovanni Vasoli che ha coinvolto le associazioni e società sportive che sono impegnate con alcuni loro rappresentanti a percorrere in modo simbolico i primi chilometri del tragitto a fianco di alcuni disabili a loro volta rappresentativi delle realtà locali seguite dall’assessore ai servizi sociali Rosanna Pittiglio.

 

Il cammino di Marcella partirà da Sarzana il
26 febbraio 2011
alle ore 9.00

Ritrovo in Piazza Matteotti

Il percorso si snoderà attraverso:

  • Piazza San Giorgio
  • Via Gori
  • Via Ronzano
  • Via Lucri
  • Sottopasso ferrovia
  • Passerella di Via Cisa
  • Via Emiliana - Lato Sud

 

Approfondimenti:
Il Progetto
Le altre tappe del viaggio
 
Associazioni pro diversamente abili

Link:
www.movimentolento.it
www.pellegrinando.it

 

© Comune di Sarzana
info@comune.sarzana.sp.it
Ultima modifica
21.03.2012
e-mailP.E.C.
protocollo.comune.sarzana@postecert.it