Stemma Comune di Sarzana - Torna alla home Page

Manifestazioni

 Sconfinando Amministrazione Servizi al cittadino Turismo e cultura Manifestazioni Eventi  English version

SCONFINANDO - 2011
XX Festival Internazionale di
Musica e Suoni dal Mondo

Comune di Sarzana Assessorato alla Cultura e
Assessorato Turismo e Attività Produttive
Soprintendenza Beni Storici e Ambientali, Regione Liguria
Città di Sarzana - Itinerari Culturali s.c.r.l.

Fortezza Firmafede
Cittadella - Centro Storico
04 Giugno - 02 Agosto 2011

 

Evento 14

JOVANOTTI (Italia)
Giovedì 14 luglio - ore 21,30
Stadio Miro Luperi

“Ora Tour”

Jovanotti diventa famoso negli anni Ottanta, lanciato da Claudio Cecchetto.
Dalla commistione di “rap” dei primi successi, tuttavia, Jovanotti si discosta ben presto avvicinandosi gradualmente al modello della world music (sempre interpretata in chiave hip hop, funky).

All’evoluzione musicale corrisponde un mutare dei testi dei suoi brani, che, nel corso degli anni, tendono a toccare temi sempre più filosofici, religiosi e politici, più tipici dello stile cantautorale italiano.
Parallelamente aumenta anche il suo impegno sociale e politico.
Pacifista convinto, ha frequentemente collaborato con organizzazioni come Emergency, Amnesty International, Lega Anti Vivisezione (LAV), Nigrizia e Data, ha contribuito alle manifestazioni in favore della cancellazione del debito negli anni novanta, e più recentemente ai movimenti Niente scuse e Make Poverty History, partecipando al Live8.
Inizialmente il nome d’arte che Lorenzo aveva scelto era “Joe Vanotti” ma il tipografo a cui aveva commissionato una locandina promozionale per una serata in discoteca commise un refuso: anziché scrivere “Joe Vanotti” scrisse “Jovanotti”, un errore che però Lorenzo trovò provvidenziale e decise quindi di tenere.

Nel 1988 pubblicò il suo primo album, "Jovanotti for President", con la hit Gimme Five.
Questo fu un periodo d’oro per il neonato Jovanotti, visto che immancabilmente tutti i suoi singoli finivano nelle prime posizioni delle classifiche italiane, tanto che a settembre fu invitato al Festivalbar come ospite d’onore.
Ancora nel dicembre 1988 fonda, insieme a Claudio Cecchetto, la linea di abbigliamento “Vo”.
Nel 1989 pubblicò l’album La mia moto, il cui singolo Vasco fu presentato al Festival di Sanremo del 1989.
La mia moto vendette circa 600.000 copie.
Lo stile dei primi album di Jovanotti era caratterizzato da un divertente e festaiolo groove in stile italo disco e il Rap.

Il nuovo album di Jovanotti, “Una tribù che balla” (1991), diede inizio a un periodo artistico decisamente diverso, spesso descritta dai critici come una svolta.
Iniziarono ad apparire nei suoi testi, inizialmente in sordina, i temi dell’impegno politico e sociale che avrebbero caratterizzato in modo sostanziale la sua produzione successiva.
Nel 1992, stupendo chi ancora non aveva percepito il mutamento di rotta dell’ex ragazzone di Gimme Five, Jovanotti realizzò il singolo "Cuore" in memoria di Giovanni Falcone.
Nello stesso anno uscì “Lorenzo 1992” conteneva numerosi brani che divennero celebri, a partire da “Non m’annoio” e “Ragazzo Fortunato”, e fu seguito da un insolito tour con Luca Carboni.
Nel Maggio 1993, Gianna Nannini lo vuole al suo fianco per scrivere e cantare una strofa rap della canzone Radio Baccano.

Nel 1994 uscì “Lorenzo 1994”, che rappresenta senza dubbio una pietra miliare nell’evoluzione di Jovanotti.
Un successo travolgente ebbe il singolo “Penso positivo”, in cui Jovanotti per la prima volta si sbilanciò in forti prese di posizione ideologiche.
L’album del 1997, “L’albero”, segnò una nuova svolta nello stile musicale di Jovanotti; vi dominano elementi di musica etnica e di world music, e un ulteriore approfondimento dei testi l’album fu accompagnata dalla distribuzione di un film omonimo.
Nello stesso periodo Jovanotti iniziò una serie di attività che riflettono un periodo di ricerca interiore.
Partecipò a due tribute album in onore rispettivamente di Robert Wyatt e George Gershwin, e prese a girare il mondo, in particolare l’America latina.

L’amore per l’America latina lo portò anche a collaborare all’album “Artisti Uniti per gli Zapatisti del Chapas”, un album benefico i cui incassi furono devoluti alla costruzione di un ospedale in Messico.
Le vicende dei suoi viaggi sono raccontate nel libro “Il grande boh!”, pubblicato nel 1998.
Nel 1999, durante la Guerra del Kosovo, Jovanotti partecipò a un progetto comune con Piero Pelù dei Litfiba e Luciano Ligabue per il brano pacifista “Il mio nome è mai più”, il cui video fu girato da Gabriele Salvatores, e i cui proventi furono devoluti interamente a Emergency; il singolo fu il più venduto in Italia nel 1999.

Negli anni successivi moltissime e importanti le collaborazioni con molti nomi del panorama italiano e internazionale con un interesse sempre più profondo per le problematiche etico-sociale.

Ora Tour è il più bel concerto mai visto in Italia: “questa è la voce che circola dal giorno del debutto, confermata dai post di twitter dai commenti di facebook e dagli innumerevoli video postati in rete.
La penisola è percorsa questa elettricità mai sperimentata prima.
E’ più di un concerto rock, è qualcosa di nuovo.
E’ il “party evolutivo” e andrà avanti fino a dicembre.
Il “crooner elettronico” e il suo J-team alle prese con “il più grande spettacolo dopo il big bang” e con “la bella vita”
.

 

Link:
www.jovanotti.it

© Comune di Sarzana
info@comune.sarzana.sp.it
Ultima modifica
21.03.2012
e-mailP.E.C.
protocollo.comune.sarzana@postecert.it